Roccocò, tradizione senza zucchero

Aiutatemi a sostenermi!
Se acquistate qualche ingrediente sul sito di Macrolibrarsi, (i link dei prodotti sono nella lista ingredienti della ricetta) inserendo il codice partner 7024 (fase 4 del vostro carrello), potete aiutarmi a sostenere le spese del blog, ricambiando la condivisione gratuita di ricette e consigli.
Grazie!


Un’altra ricetta natalizia della tradizione napoletana! I roccocò, tradizione senza zucchero!

Chi mi segue, avrà intuito che adoro rivisitare le ricette tradizionali in chiave più equilibrata.

Così l’anno scorso è nata anche la mia versione dei roccocò, dolce campano che troverete sempre in vendita insieme ai mostaccioli.

Pensate che sono così famosi e così richiesti che, insieme alla pastiera li trovate in vendita tutto l’anno.

Sono profumatissimi grazie alle spezie e, croccanti grazie alla frutta secca! Davvero molto buoni!!!

La ricetta originale prevede mandorle e zucchero di pari peso, ho quindi aggiustato le dosi, usando un dolcificante naturale: la frutta!

Qui di seguito, trovate la ricetta che prevede una gran quantità di semi oleosi e frutta secca. Un dolce quindi da riservare alle occasioni speciali.

Per la frutta secca, vi consiglio di prediligere le albicocche, in caso usaste uvetta o datteri, più zuccherini, potrebbe bastare usarne anche meno.

Ingredienti

  • 200 gr di farina tenera di grani antichi
  • 250 gr di mandorle tostate e tritate grossolanamente (con la pellicina)
  • 100 gr di frutta secca (prediligiamo le albicocche secche, in alternativa datteri e uvetta)
  • 10 gr di pisto (mix di noce moscata, cannella, anice stellato, chiodi di garofano)
  • succo di 1 arancia biologica
  • buccia di 1 arancia biologica
  • buccia di 2 mandarini biologici
  • mezzo cucchiaino di polvere lievitante con cremor tartaro
  • un pizzico di sale marino integrale
  • acqua q.b. (circa 50 gr)
  • 1 uovo piccolo per spennellare (in alternativa bevanda vegetale)

Procedimento

Grattugiamo le bucce di arancia e mandarini.

Nel caso volessimo un sapore ancora più caratteristico, potremmo realizzare delle bucce di arancia candite con il malto (le arance candite le ho usate anche per i miei pandolcini!). Qui il procedimento.

In tal caso diminuiamo un po’ la quantità di frutta secca. Mettiamo in ammollo la frutta secca nel succo di arancia.

Su un piano di lavoro mettiamo la farina a fontana, aggiungiamo la polvere lievitante, il pizzico di sale, le mandorle, il pisto e le bucce degli agrumi. Frulliamo la frutta secca con il succo di arancia fino a ricavarne una crema. Aggiungiamo la crema all’impasto. Iniziamo a lavorare, aggiungendo acqua fino ad avere un impasto morbido e lavorabile.

Dividiamo l’impasto in pezzi da circa 70 gr, ricaviamo dei filoncini e quindi delle ciambelle. Spennelliamo con l’uovo (o la bevanda vegetale) la superficie delle ciambelle. Accendiamo il forno a 160°C, forno statico, e cuociamo per circa 30 minuti.

Ed ecco pronti i roccocò, tradizione senza zucchero!

Print Friendly, PDF & Email

2 Comments

Lascia un commento