piatto sano

Il piatto del mangiar sano

Aiutatemi a sostenermi!
Se acquistate qualche ingrediente sul sito di Macrolibrarsi, (i link dei prodotti sono nella lista ingredienti della ricetta) inserendo il codice partner 7024 (fase 4 del vostro carrello), potete aiutarmi a sostenere le spese del blog, ricambiando la condivisione gratuita di ricette e consigli.
Grazie!


Conoscete il piatto del mangiar sano dell’Università di Harvard?

Il piatto del mangiar sano, non è altro che la nostra dieta mediterranea di un tempo!

Il primo a coniare il termine “dieta mediterranea” fu un dottore americano, tale Ancel Keys che, negli anni ’50, dopo aver partecipato al primo Convegno sull’Alimentazione in Italia, rimase sorpreso della bassa incidenza di malattie cardiovascolari e gastrointestinali nel nostro paese e, nello specifico in Campania.

Iniziò con uno studio pilota in Calabria, per poi trasferirsi nel Cilento, dove dopo decenni di studi, arrivò alla conclusione che una dieta a base di cereali, verdure, legumi e frutta, olio extra vergine di oliva, pesce e pochissima carne, fosse alla base della longevità e buona salute di questa popolazione.

Quindi stando a questi studi come dovrebbe essere composto il nostro piatto quotidiano?

Ciò che non dovrebbe mai mancare sono:

  • i cereali integrali (riso integrale, farro, orzo, miglio, grano saraceno ecc), preferibilmente in chicco. Meno spesso anche la pasta (di grani antichi e di piccoli produttori)
  • pane a lievitazione naturale (cioè con pasta madre) e grani antichi
  • verdure e frutta di stagione (NON le patate)
  • olio extra vergine d’oliva e semi oleosi (mandorle, noci, nocciole…)
  • legumi
  • pesce (preferibilmente azzurro e di piccola taglia)

Oggi il termine “dieta mediterranea” è abusato.

La maggior parte delle persone, non associerebbe sicuramente il piatto dell’Università di Harvard al proprio piatto quotidiano che, piuttosto, è povero molto spesso di fibre e ricco di pasta e pane con farine raffinate, carne e formaggi (quasi sempre provenienti da allevamenti intensivi, bombardati quindi di antibiotici e dannosi per l’ambiente).

E quanti mangiano tutto l’anno soltanto solanacee (melanzane, peperoni, pomodori, patate) e insalata in busta?

E i legumi? La cosidetta carne dei poveri? Ci sono persone che non li hanno mai neppure assaggiati!

Eppure sarebbe semplice.

Per vivere una vita in longevità e salute, basterebbe tornare a mangiare come un tempo, prendendo semplicemente ciò che Madre Natura ci offre.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento